ul. Św. Jana 32     16 677 00 79       Pn - Pt: 08:00 - 18:00
          
        ul. Św. Jana 32     16 677 00 79       Pn - Pt: 08:00 - 18:00
          

Schema di trattamento COVID-19 con amantadina

Schema di trattamento COVID-19

Su richiesta di molti medici e a causa della tragica situazione epidemica in Polonia e nel mondo, condivido di nuovo il mio metodo di trattamento. Con la presente riconosco che nel fornire tale schema mi sono basato su ciò che ho visto e sulla mia esperienza personale. Lo schema può sempre essere analizzato e modificato, in base alla propria esperienza. Si prega di notare che sono l’autore di questo schema. Questo è il mio progetto, l’ho creato, analizzato e sviluppato io stesso.

QUESTO SCHEMA E’ INDIRIZZATO SOLO AGLI SCIENZIATI E AI MEDICI! OGNI PAZIENTE DEVE ESSERE SEMPRE SOTTO LA SUPERVISIONE DEL MEDICO DURANTE IL PROCESSO DI TRATTAMENTO!

Inizio

Interazione costante con il paziente

Il principio di base che seguo quando mi impegno a curare un paziente affetto da COVID-19 è che il medico dovrebbe essere in costante contatto con il paziente e il paziente dovrebbe fornire al medico un rapporto giornaliero sulla propria salute. Non considero nessun altro scenario di trattamento. Il COVID-19 è una malattia molto imprevedibile e pericolosa, che si rivela anche mortale. In nessun caso il paziente può iniziare o interrompere il trattamento da solo, senza consultare il medico.

È meglio intervenire il prima possibile.

Prima viene somministrato il trattamento, meglio è. Perché in questo modo riduciamo il tempo di impatto negativo del virus sul corpo e alleviamo le complicazioni successive. Se soffriamo dei sintomi specifici, possiamo sospettare un’infezione da COVID-19 con un alto tasso di probabilità. La mia opinione è che il trattamento che prevede l’uso di amantadina cloridrato dovrebbe essere attuato senza attendere i risultati del test. Il test deve essere eseguito indipendentemente dal trattamento. Se il risultato del test è positivo e il paziente presenta sintomi, il trattamento deve essere applicato immediatamente.

Chi è escluso dal trattamento?

I pazienti affetti da grave aritmia

buy amoxil online

, insufficienza renale o malattie mentali sono rigorosamente esclusi dal trattamento con amantadina.

Varianti di dosaggio di cloridrato di amantadina

Variante 1 – Di seguito è riportata una variante tipica del dosaggio di amantadina:

  • prima ora – due dosi (200 mg)
  • dosi successive (100 mg) somministrate ogni 6 ore, somministrate per 48-72 ore, a seconda delle condizioni del paziente.

Riduzione dopo terapia di mantenimento a 2 × 1 – 100 mg. Non è necessario somministrare dosi elevate per troppo tempo.

Variante 2 – Persone anziane che soffrono di un basso tasso di metabolismo e di età inferiore ai 40 anni

Sulla base di osservazioni e analisi approfondite, i giovani hanno maggiori probabilità di segnalare agitazione o aritmie eccessive. Ciò è dovuto a una maggiore reattività dei sistemi simpatico e parasimpatico, compreso il nervo vago. Pertanto, consiglio di utilizzare la seconda opzione fino a circa 40 anni. Queste dosi più piccole in queste persone saranno più che sufficienti, poiché le prestazioni immunitarie e immunitarie sono piuttosto elevate.

Inoltre, quando il metabolismo è più lento (generalmente più di 70 anni), diamo:

  • 0 ore dalla contrazione – due dosi (200 mg)
  • dosi successive somministrate ogni 6 ore, somministrate nell’arco di 48-72 ore, a seconda delle condizioni del paziente.

Riduzione dopo terapia di mantenimento a 2 × 1 – 100 mg. Non è necessario somministrare dosi elevate per troppo tempo.

Variante 3 – Pazienti di età superiore a 75 anni

Trattamento raccomandato di amantadina 2 × 1 – 100 mg – per 14 giorni (anche asintomatico – solo con test positivo).

Trattamento di mantenimento

Il trattamento con la dose di mantenimento deve durare per un periodo di tempo abbastanza lungo. Non esiste una dose perfetta per tutti. La dose può essere modificata a seconda dei casi. Il trattamento di mantenimento di solito dura da 7 a 8 giorni, ma a volte anche da 10 a 14 giorni, a seconda della durata della malattia e di quando l’amantadina è stata somministrata come parte del trattamento.

Nel caso non ci fosse un netto miglioramento della salute

Se il paziente non mostra un netto miglioramento della sua salute dopo 48 ore e non si è ancora stabilizzato, si può sospettare che soffra già di alcune complicazioni, come ad esempio la polmonite. Detto paziente deve essere esaminato e assolutamente auscultato. Le lesioni rilevate dall’auscultazione richiedono un trattamento antibiotico, meglio se due antibiotici vengono somministrati insieme, per via intramuscolare o endovenosa. Gli steroidi, i corticosteroidi e l’eparina a basso peso molecolare (LMWH) vengono somministrati a seconda delle condizioni cliniche e della progressione della polmonite. Eventuali lesioni interstiziali, visibili grazie ai raggi Roentgen sezionali, dovrebbero recedere dopo il trattamento con amantadina.

Come pneumologo, quando ho evidenti cambiamenti nell’auscultazione nella polmonite, non oso trattare con antibiotici orali, nemmeno due “perché potrebbe essere possibile”. Anche con la somministrazione simultanea di amantadina, ciò non garantisce il successo. Sì, l’amantadina sopprime sempre il virus, ma il trattamento della polmonite con antibiotici orali non sempre funziona. Ti avverto, in questa malattia non c’è tempo per questo! Trattiamo con due antibiotici per via intramuscolare o endovenosa perché la flora batterica dopo i 40 anni è mista e la somministrazione di un antibiotico a basso dosaggio è inefficace.

Ho scritto molte volte prima che se non ci sono miglioramenti evidenti dopo il terzo giorno, significa che ci sono già complicazioni del virus. L’amantadina ha avuto lo stesso effetto sul virus in tutti i pazienti, cioè inibizione e stabilizzazione dopo 48 ore. Ribadisco la necessità di esaminare e auscultare il paziente. Ho detto che molti medici che non sono pneumologi non ascoltano i cambiamenti auscultatori nei polmoni a bassa intensità. E quando sono nella zona interlobare, sono quasi impercettibili. Accade che in alcuni casi il paziente non presenti alterazioni auscultatorie nonostante una polmonite molto estesa. Io stesso sono rimasto sorpreso alcune volte, ad esempio due giorni fa:

A mio parere, il paziente ausculta invariato. Sembrerebbe che in condizioni mediocri, ma ai raggi X cambiamenti infiltrativi molto estesi e avanzati nei polmoni. Pertanto, ti chiedo ancora una diagnosi polmonare assoluta il giorno 3-4, in assenza di un effetto spettacolare sul trattamento con amantadina. Se abbiamo alterazioni auscultatorie, sappiamo che il paziente ha polmonite e superinfezione batterica. In caso contrario, è necessaria una TAC o almeno una radiografia dei polmoni. Le stesse reazioni interstiziali regrediscono molto rapidamente, poiché l’eliminazione del virus si traduce in una completa regressione delle alterazioni infiammatorie. Anche se il paziente viene auscultato prima della somministrazione di amantadina e il paziente viene auscultato, sono necessarie 48 ore per la stabilizzazione. Durante questo periodo di transizione, il virus può essere attivo e può svilupparsi una polmonite attiva.

Specificità COVID-19 e trattamento sintomatico

Nella maggior parte dei casi, nella prima fase del COVID-19, la maggior parte delle lesioni si verifica nella parte inferiore destra dei polmoni. Come altre malattie, anche questa malattia viene trattata in modo sintomatico nella sua piena estensione. Tutti i farmaci vengono somministrati a seconda dei sintomi. Sottolineo sempre che l’amantadina non va data come sostituto di nient’altro. Il trattamento sintomatico non deve essere interrotto, poiché l’amantadina è un farmaco aggiuntivo, che ha un impatto diretto sul virus stesso, che è l’agente patogeno, inibendone lo sviluppo.

Effetti collaterali

Attenzione! Si noti che l’insorgenza di un’aritmia precoce richiede l’interruzione del trattamento con l’uso di amantadina. Per mia esperienza posso dire che il numero di casi in cui si verifica un’insorgenza di aritmia varia tra 1 e 2 su 100 casi.

Effetti collaterali che non influiscono sul trattamento

Nella maggior parte dei casi, i pazienti manifestano secchezza nella cavità orale, che non è in alcun modo una controindicazione al trattamento. Quando si somministra amantadina cloridrato, si raccomanda di bere grandi quantità di liquidi, da 3 a 4 litri, almeno nella prima fase del trattamento intenso.

  • Circa il 10% dei pazienti può manifestare lieve ansia, agitazione periodica o disturbi del sonno entro 3-5 giorni dal trattamento.
  • In caso di disturbi del sonno si consiglia di somministrare un sonnifero, che dovrebbe essere perfettamente sufficiente. Il corpo del paziente riposa nel sonno, recuperando completamente in quel momento. I sintomi si attenuano, o sicuramente non si intensificano almeno.

Somministrazione di altri farmaci

In nessun caso smettiamo di somministrare ai pazienti i farmaci che assumono per curare le malattie croniche di cui soffrono. In caso di somministrazione di farmaci diuretici forti, è necessario considerare la possibilità di modificare il regime di trattamento o di rinunciare al trattamento con l’uso di amantadina.

Specificità della malattia – Insufficienza circolatoria

Al momento della manifestazione della malattia, cioè il giorno 3/4 dall’inizio della malattia, molti pazienti sperimentano una diminuzione della pressione sanguigna e un’insufficienza cardiocircolatoria lieve e transitoria. Questi pazienti non soffrono di febbre e i sintomi della malattia iniziano a diminuire. Allo stesso tempo, i pazienti mostrano una minore tolleranza allo sforzo fisico, compresa la stessa deambulazione. Lo chiamiamo tempo di rimbalzo, che richiede dalle 24 alle 48 ore al massimo.

Raccomandazioni per i pazienti dopo la malattia

Molti pazienti che hanno già attraversato il COVID-19 sperimentano un’insufficienza circolatoria parziale. Questi pazienti possono funzionare come prima, ma con uno sforzo fisico più lungo e faticoso possono manifestare sintomi di insufficienza cardiaca. In casi come questi si consiglia un recupero di 3-4 settimane e un consulto cardiologico contingente.

Altre osservazioni

Attento! Un’esposizione troppo lunga alla luce solare durante il decorso dei sintomi del COVID-19 può provocare un drammatico deterioramento delle condizioni del paziente in poche ore.

Osservazioni particolari

Il paziente non può iniziare o interrompere il trattamento da solo. L’amantadina è un farmaco di prescrizione. Faccio appello ai medici affinché non scrivano prescrizioni se non hanno intenzione di curare la malattia. Se un medico fa una prescrizione nel caso ci sia un caso, c’è il rischio che in una situazione critica, senza l’aiuto di nessuno, il paziente inizi lui stesso il trattamento. Il trattamento senza la supervisione di un medico può essere estremamente pericoloso.

Tieni presente che prima viene eseguito il trattamento COVID-19, meglio è! In questo modo il paziente non subisce alcuna complicazione, oppure le complicanze sono molto insignificanti. Se i sintomi della malattia indicano che si tratta di COVID-19, interveniamo immediatamente, senza attendere i risultati dei test, perché attualmente sono disponibili anche dopo diversi giorni e i pazienti possono già sviluppare molte complicazioni. Il test deve essere sostenuto indipendentemente dal trattamento.

Metodo di trattamento attuale

La sola somministrazione di antibiotici non è efficace nel trattamento della malattia. Il trattamento che è stato applicato finora in tutto il mondo non è un trattamento causale, ma un trattamento sintomatico. Non c’è nessun altro farmaco che tratti il ​​COVID-19 in modo così spettacolare. L’amantadina cloridrato introduce un cambiamento rivoluzionario nella materia, poiché fino ad ora è l’unico farmaco che inibisce direttamente lo sviluppo del virus e il suo impatto sull’organismo.

Ricevo molte domande curiose sulla saturazione di ossigeno. Sono d’accordo che misurare la saturazione di ossigeno è utile in qualche modo e può riflettere la gravità della malattia. Allo stesso tempo, misurazioni di livello costanti da parte del paziente e fluttuazioni periodiche aumentano la paura e la paura in molti, il che non fa bene alla psiche del paziente e può essere in parte importante per l’efficacia del trattamento. Va tenuto presente che se la malattia progredisce abbastanza gravemente, si ha a che fare con un’insufficienza circolatoria e anche con un piccolo sforzo, ad es. andare in bagno, porta a una significativa diminuzione a breve termine della saturazione, che non indica alcun deterioramento della condizione. Provoca fluttuazioni temporanee sproporzionate allo stato di salute.

Finché sospettiamo che il virus possa essere ancora attivo, l’amantadina può essere inclusa nel trattamento in ogni fase della malattia, ad esempio: 10, 14 o anche più tardi il giorno della malattia (fino a quando la scienza non deve ancora determinare nel futuro). La somministrazione ritardata di amantadina non salverà la salute del paziente, ma potrebbe salvargli la vita.

INVITO – Formiamo gratuitamente i medici nel trattamento del COVID-19

In qualità di centro diagnostico e di ricerca, invitiamo i medici che desiderano completare diversi giorni di formazione ed esercizi per l’esame e il trattamento dei pazienti ambulatoriali infetti da SARS-CoV-2. La formazione include, tra le altre cose, la pratica dell’auscultazione polmonare, la diagnosi e l’uso di un regime di trattamento appropriato per i pazienti con COVID-19 e sindrome post-COVID, compreso l’uso di amantadina e farmaci sintomatici.

PUBBLICAZIONE PRESTAMPATA DISPONIBILE SU RESEARCHSQUARE

Włodzimierz Bodnar, pneumologo, pediatra presso NZOZ Optima a Przemyśl, Polonia

media@przychodnia-przemysl.pl

Ricerche e rapporti sull’amantadina provengono da tutto il mondo:

https://www.nature.com/articles/s41594-020-00536-8 – Stati Uniti

https://www.nature.com/articles/s42003-021-02866-9 – Danimarca

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8063946/ – Germania

https://www.nature.com/articles/s41392-021-00558-8 – Cina

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33344913/ – Pakistan

https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S092485792030162X?via%3Dihub – Stati Uniti

https://www.eurekaselect.com/183729/article – Turchia

https://link.springer.com/article/10.1007/s43440-021-00231-5 – Spagna e Messico

https://link.springer.com/article/10.1007/s40268-021-00351-6 – Stati Uniti e aggregazione di altri articoli

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/34919079/– Polonia, case report

Poprzednie wpisy

Subskrybuj
Powiadom o
guest
0 Komentarzy
Inline Feedbacks
Przeglądaj wszystkie komentarze
Przychodnia Optima w Przemyślu
0
Podoba Ci się? Skomentuj proszęx
()
x